#Fatelevedere: autopalpazione, ecografia e mammografia contro il cancro al seno

Autopalpazione del seno, ecografia (prima dei 40 anni) e mammografia (dopo i 40): questi sono i 3 step indispensabili per la prevenzione del tumore della mammella.

Sì, lo so che sono argomenti un po’ delicati, che ci mettono subito sulla difensiva, eppure sappiamo benissimo che il modo migliore per proteggere la nostra salute è quello di sottoporci a questi esami preventivi con una certa frequenza.

Per me la scadenza è la prossima settimana e sì, anch’io sono un po’ tesa. Mi dico anche che peggio di una visita ginecologica non ce n’è e quindi che sarà mai una mammografia?

Conosco persone che hanno avuto il tumore al seno e sono guarite, quindi guardiamo in faccia la realtà: facciamo prevenzione, sempre.

Cominciamo dall’autopalpazione.

Vi mostro questa immagine presa da qui che ci spiega bene bene come fare.

autopalpazione

L’ osservazione permette di individuare mutazioni nella forma del seno o del capezzolo.La palpazione può far scoprire la presenza di piccoli noduli che prima non c’erano. Possono emergere altri segnali che devono spingere a consultare un medico, come retrazioni o cambiamenti della pelle, perdite di liquido dai capezzoli e cambiamenti di forma della mammella. (fonte Airc)

Ecografia

Prima dei 40 anni è bene sottoporsi almeno una volta ad un esame di questo tipo, più adatto ad un seno giovane. Io per esempio l’ho fatto intorno ai 30 anni scoprendo di avere diversi noduli benigni e da allora li controllo ogni anno.

Mammografia

Va fatta dopo i 40 anni. Io ogni anno faccio eco + mammo, visto il caso specifico. In altri casi la frequenza dipende dal consiglio del medico. Per le donne dopo i 50 l’Airc suggerisce la scadenza biennale.

Alcune amiche mi chiedono: la mammografia fa male?

No, non fa particolarmente male, a meno che tu non soffra di sindrome premestruale e abbia il seno un po’ gonfio. Ma stiamo parlando di un fastidio accettabile.

Ogni anno ad ottobre parte la Campagna del Nastro Rosa per la diagnosi precoce del cancro al seno. A partire dal primo del mese sarà possibile effettuare visite gratuite presso le Università  e un po’ dappertutto in Lombardia. Cliccate qui per sapere dove. Altrimenti vi consiglio di programmare le vostre visite periodiche nella struttura che vi dà più fiducia.