filler punturine botulino

Filler punturine e botulino: facciamo chiarezza

Creme antirughe, filler, punturine e botulino, ma anche facegym…quando vogliamo combattere la battaglia contro le rughe i rimedi sono veramente tanti. Senza contare che quello che conta maggiormente è lo stato di buona salute generale e quindi fare sport, dormire, mangiare sano e non fumare.

Il punto è scegliere la soluzione più adatta al nostro tipo di pelle, ma farlo da sole non è facile!

Io ho chiesto un parere al mio dermatologo. Lo potete trovare qui in Come scegliere la crema antirughe dopo i 40 anni, con una disamina completa delle necessità della pelle in funzione dell’età.

 

Personalmente non sono attratta dalla chirurgia estetica, però, invecchiando, sento di capire chi ne fa uso. Non è bello guardarsi allo specchio e non riconoscersi. Certo, dobbiamo accettare il cambiamento, ma è un processo graduale e a volte difficile.

Forse la cosa migliore è invecchiare cercando di essere la versione migliore di se stesse.

 

A proposito di questo, qualche giorno fa ho assistito alla diretta Facebook di Obiettivo Salute, la trasmissione di Radio 24, in cui  la giornalista Nicoletta Carbone intervistava la Dottoressa Adele Sparavigna. Si parlava di filler, punturine e botulino e so che questo argomento interessa molto alle lettrici del blog, se non altro per la difficoltà di capire la differenza tra i vari trattamenti.

 

L’ho trovata così utile che ho pensato di diffonderla qui.

Vi lascio alla visione integrale dell’intervista, ma secondo me le cose più importanti e che ho capito sono queste:

 

Prima di tutto dobbiamo andare da un dermatologo bravo, iscritto all’Ordine dei Medici, controllare la sua specializzazione e chiedergli un

1. Check-up della pelle

in base a idratazione, sebo e pH.

 

2. Lo specialista aiuta a scegliere il trattamento estetico

stando molto attento agli aspetti psicologici del ringiovanimento artificiale, evitando quindi di essere troppo compiacente con il paziente per evitare che questo sviluppi una dipendenza. Non so se è successo anche a voi di vedere donne così ritoccate da sembrare quasi brutte, per non parlare poi dell’omologazione di certi volti. Ecco, secondo me quelle persone non devono aver avuto un medico che abbia saputo valorizzare i loro tratti originali, senza farli aderire ad un unico canone di bellezza che poi in natura nemmeno esiste.

 

A questo punto

3. Scegliere l’obiettivo estetico

Se vogliamo risultati in breve tempo: il filler di acido ialuronico chimicamente modificato. Ne esistono di diversi tipi e questo incide sul costo. Il filler è una sostanza riassorbibile dall’organismo e perciò dura dai 6 ai 9 mesi.

Se vogliamo risultati nel medio periodo: impiantare nel derma o nel sottocute dell’acido ialuronico naturale, proteine, amminoacidi di collagene ed elastina, ma lo deve fare solo uno specialista estremamente esperto.

 

 

4. Il botulino

Il botulino va impiegato solo sulla fronte e ha la capacità di paralizzare i muscoli. L’obiettivo del dermatologo invece è quello di indebolire e non paralizzare i muscoli del viso, proprio per non togliere espressività. Di solito il trattamento dura circa 5 mesi.

 

5. Le punturine di vitamine

Sono degli utili antiossidanti, ma solo il medico è in grado di prescriverle. Inoltre, deve tenerne traccia sulla cartella clinica, affinché, se un paziente cambia medico, quello nuovo possa conoscere la sua storia di trattamenti passati.

 

6. Ci possono essere effetti avversi attesi e non

edemi ed ecchimosi, ma lo specialista è pronto a gestirli.

 

7. Per non avere le labbra a canotto

attenzione alle proporzioni e a come avviene l’impianto, cioè non per tutta la lunghezza del labbro.

 

8 . Il trattamento delle rughe e delle occhiaie

è una cosa molto seria, che va fatto da mani esperte per evitare effetti opposti a ciò che si desidera.

 

9. Le creme antirughe funzionano

perchè esiste una normativa europea in base a cui una crema può essere definita “antirughe”. Questa prevede uno studio clinico a dimostrazione dell’efficacia del prodotto.

 

Vedi tutte le creme antirughe per over40

 

10. Quello che penso io

Ma secondo voi che senso ha essere tutte tirate o turgide quando, come diceva Vanna Marchi, le braccia ci fanno “sflish sflash”?!

Voglio dire: pensiamo a rinforzare la  nostra muscolatura un po’ come ci piace (pilates, per esempio, oppure ginnastica anche fatta in casa, qui il nostro video più popolare) e poi sistemiamoci la faccia. Mica possiamo andare in giro con la faccia di una ventenne e il corpo flaccido. Tra l’altro fare un minimo di ginnastica ci aiuta a prevenire il mal di schiena, il sovrappeso e ci mette di buonumore.

Quindi viva il filler, ma siccome a me fa senso solo l’idea di farmi fare delle punturine in faccia, vi dico che io uso i prodotti Jeunesse e in questo post vi spiego quali.

 

E adesso che abbiamo fatto chiarezza queste sono le risorse sui trattamenti antiage disponibili su 40 Spesi Bene:

 

Come scegliere la crema antirughe dopo i 40 anni
Come ho eliminato le rughe e le borse sotto gli occhi con Jeunesse
Beauty routine dopo i 40 anni
Quali creme viso usare dopo i 40 anni: ecco le nostre
Integratori antiage: la mia esperienza con Imedeen
Face Gym: la ginnastica facciale antirughe funziona. Ecco perchè