I capi must della quarantenne elegante di oggi

Le nostre madri, le ragazze degli anni Sessanta che non uscivano di casa senza coordinare le scarpe con la borsa e il cappottino, appena mettevano via  un po’ di soldi si compravano la pelliccia. Ve ne accorgete facilmente se una domenica pomeriggio andate a teatro: sopra i 65 il visone è d’ordinanza.

capi must della quarantenne Noi figlie ci troviamo nella paradossale situazione di dover ereditare migliaia di euro in pellicce, il sogno di lusso sfrenato delle nostre madri, provando un grande imbarazzo. Siamo la generazione della pelliccia ecologica e del patrimonio investito in Moncler di piuma d’oca.

La domanda nasce spontanea:

secondo voi quali sono i capi must della quarantenne elegante di oggi, quelli di cui non ci libereremmo mai e possiamo pensare di lasciare alle nostre figlie?

Non mi riferisco al classico abitino nero o alla camicia bianca che non devono mancare mai nel guardaroba di una donna. Parlo proprio di quei capi che tramandi alla tua progenie.

La risposta secondo me non è così scontata. Moda ed eleganza sono diventati concetti così personali…

Oggi spendiamo volentieri per oggetti tecnologici, che però hanno un’elevata obsolescenza. Compriamo abiti di taglio modaiolo e fattura industriale, che ci risolvono il problema del “cosa mi metto” ad  un prezzo così ragionevole da poterci permettere di disfarcene quando non ci piacciono più.

Io non sono una fashion blogger, ma penso che alcuni must sopravvivano.

Hermes_Ostrich_Birkin_Bag1. La borsa in pelle o seta fatta rigorosamente fatta a mano. Chanel, Prada, Gucci, Hermes, Roger Vivier…fate voi. La qualità del manufatto artigianale e del design non si discute. Ad una mia fortunata amica è stata regalata una Roger Vivier che vale quanto un’auto. Nel caso potrebbe venderla e comprarsi un’utilitaria. Conviene investire in borse più che nella Borsa, lo spiegano anche qui.

2. Il cappotto di cachemire. Un bel cappotto è per sempre. Se  il modello passa di moda lo appendi sul ripiano più alto in attesa del giorno in cui ritornerà in auge.

maxmara_0111

 

3. Le scarpe. penso che la nostra generazione finirà con il lasciare alle figlie uno stuolo di tacchi 12 e plateau. Basta che siano di Sergio Rossi, Ferragamo. Louboutin, Jimmy Choo, Manolo Blanik etc. etc..

 

louboutin

 

4. Accessori di qualità. Io personalmente ho una predilezione per sciarpe, guanti e gioielli, anche bijoux. Se l’eleganza si riconosce dai dettagli, pure  un abito Banana Republic con il gioiello giusto ti fa sembrare una lady.

SPILLA

Ma in conclusione l’unica cosa che non può mancare nel nostro guardaroba è il buongusto.

Per mostrarlo secondo me occorre essere oneste con se stesse, guardarsi allo specchio, capire i propri pregi e difetti fisici, imparando ad esaltare gli uni e camuffare gli altri.

Armadi pieni di buongusto, ecco quello che fa la donna elegante. Sempre.

E voi cosa ne pensate?  Su quali capi investite sapendo che il vostro acquisto non si svaluterà? 

P.S.: è inevitabile che tra qualche anno quelle pellicce “purtroppo” diventeranno nostre e allora intaseremo i teatri d’Italia con la nostra eleganza.

P.S. del P.S.: ma anche voi avete la zia che ha scritto un testamento per dire a chi va la sua Vuitton? 😀

vuitton

Opera di Tom Porta. Non ne conosco il titolo, ma avrei qualche idea.