pensieri grassi

Photo credit: Ghost in the Shell

I pensieri grassi vanno in vacanza

E’ una fine di luglio da montagne russe.

Da un lato pensiamo alle vacanze, dall’altro ogni mattina leggiamo le notizie e veniamo informate della catastrofe del giorno. Roba da disdire l’abbonamento internet del cellulare e portare in discarica il televisore. Ah, tra l’altro secondo l’ultima versione catastrofico-climatica pare che la fine del mondo inizi il 29 luglio…meno male che parto domani, così almeno prima mi faccio le ferie!

In tutto questo caos di notizie buie abbiamo avuto il tempo di indignarci, noi di 40 Spesi Bene per prime, dell’infelice uscita di Io Donna, che dà della cicciona in short ad una ragazza mingherlina rea soltanto di essere famosa. Pensieri grassi, i nostri e i loro, ma che servono a distrarci un po’. (Detto tra noi, nulla ti distrae così bene come un’incazzatura).

Immagine

Polemiche persino consolatorie se pensiamo alle donne velate integralmente che vivono nell’altra metà del mondo (per tacere di tutto il resto).

Alle donne occidentali, che invece si deprimono leggendo le riviste femminili che si compiacciono di pubblicare pettegolezzi cattivi sulle forme delle altre, voglio dedicare questa immagine:

Immagine

Lei è Ashley Graham, una famosa modella curvy testimonial di Swim Suits for All. Andate a guardare i loro modelli di costumi da bagno. E’ chiaro che per loro le donne in carne hanno diritto di andare in spiaggia sentendosi comode, alla moda e sexy. Solitamente non mi vendo come fashion  blogger quarantenne, ma devo dire che se Swim Suits for All me lo proponesse accetterei!

Come vi dicevo, domani parto per il mare e per qualche giorno mi prenderò una pausa dal blog. Ne ho proprio bisogno, sia per rigenerare la mente, sia perchè per una settimana ho voglia di fare finta che il mondo sia solo la micro isola del Mediterraneo in cui mi rifugerò, lontano dalle menate e dalle preoccupazioni. Trascorrerò il mio tempo in  costume da bagno e mi amerò molto.

Nel senso che cercherò di entrare in contatto con me stessa, con i miei pensieri e le emozioni che la natura sarà in grado di regalarmi e non passerò le giornate a guardarmi l’ombelico, la cicatrice dei cesarei e il rotolo sulla pancia. E cercherò anche di togliermi quella brutta abitudine che abbiamo noi donne – tutte, anche voi che mi leggete – di cercare nei corpi delle altre la minima imperfezione, proprio per sentirci meno imperfette.

La vacanza è libertà, viviamola senza pensieri grassi.

E amatevi anche voi: diamine, siamo donne vere, mica manichini! Sexy is a state of mind.

 

P.S.: dedico a voi e a me stessa questa vecchia canzone dei Queen, “Fat Bottomed Girls”. Loro apprezzavano!