In forma senza palestra: muoversi tutti i giorni

“Mi sono iscritta in palestra, ma non ci vado mai, non ho tempo.”

Quante di voi hanno detto e sentito questa frase?

In forma senza palestra: è possibile. Così non dovete nemmeno trovare delle scuse per spiegare come mai non ci andate!

Vi siete mai soffermate ad osservare la vostra quotidianità, i gesti abituali ripetuti quasi meccanicamente, da quando suona la sveglia a quando vi ritrovate a puntarla per il giorno successivo? Vivete solo in un frullatore di pensieri o fate del vostro quotidiano un moto perpetuo a 360 gradi? Insomma, lo sapete che nella vostra vita c’è o ci può essere molto più sport di quanto pensiate?

Chi è nata sportiva come me, praticando agonismo da giovane, passati i 40, per attitudine mentale continua a praticare qualche attività in modo sistematico.

Molte di noi – io per prima – concepiscono lo sport come qualcosa di finalizzato al raggiungimento di un obiettivo – che si chiami “elimina il rotolino” o “mezza maratona” poco importa. L’allenamento prevede momenti di allenamento distribuiti nell’arco della settimana con cadenza regolare, magari un corso con un istruttore.

Per definirsi “sportivi”, però, secondo me, non è necessario essere impegnati in un programma così cadenzato. Ecco cosa vi consiglio:

1. Iniziate a ridurre la dipendenza da mezzi motorizzati, quando e dove possibile, attrezzatevi con calzature comode e partite alla volta delle vostre destinazioni abituali di buon passo o in sella alla bici.

Come fa il coraggioso signore che incontro ogni mattina sulla strada fra Milano San Felice e Lambrate, una decina di chilometri in qualunque condizione atmosferica…o la signora in tailleur e scarpe da running arancio-fluo, spesso “avvistata” fra Città Studi e il centro: fantastica!

Potete sempre portare una decolletée alternativa “da ufficio” in una shopper colorata e leggera, o in un pratico zainetto. Io, ad esempio, abito appena fuori Milano, ma la mia vita e quelle delle mie figlie si svolge interamente in città fino a sera. In attesa di riuscire a trasferirmi, ho il mio “pit-stop” a casa dei miei. Di buon mattino deposito figli, auto, borse, libri, saluto il pubblico e recupero il tutto a fine giornata, quel che sta in mezzo è creatività in movimento!

2. Attesa alla fermata dell’autobus oltre i 4 minuti? Ci sta almeno una fermata a piedi.

3. Costrette a muovervi in auto, almeno per una parte dei vostri tragitti? Parcheggiate comodamente a debita distanza dalla vostra destinazione, catapultate voi stesse e tutti gli altri (figli, amici, cane) fuori dall’abitacolo e, di buon passo, raggiungete i vostri obiettivi.

4. Centro storico chiuso al traffico? Ottima occasione x evitare multe e risvegliare le gambe e poi, camminando, si guardano le vetrine, si studiano nuove mete, ci si accorge della gente… Non servono maratone, basta calcolare di poter camminare almeno mezz’oretta ogni giorno.

Alla fine, sommando tutti i fattori, vedrete che il risultato vi sorprenderà!

 

Leggi tutti i post di “Vite in Movimento” scritti da Adriana