lavoro dopo i 40

Lavoro dopo i 40: scopri se il network marketing fa per te

Dopo i 40 anni è difficile reinventarsi professionalmente. Non sei vecchia, ma il mondo del lavoro ti considera tale. Se poi sei una donna che si è dedicata alla famiglia e vuoi ricominciare, sembra quasi che ti debba far perdonare qualcosa: quel “buco” nel curriculum, denso di esperienze e crescita personale, ma difficilmente spendibile con un head hunter.

E quindi l’opzione spesso più ovvia, ma non per questo facile, è quella di trovarti un’occupazione, grande o piccola che sia, in cui tu sia la datrice di lavoro di te stessa. Un’attività imprenditoriale dunque. Sì, ma quale?

 

Tra le varie possibilità, che ti consentono di iniziare in tempi brevi, c’è quella del network marketing.

Ce ne ha parlato anche Cristina Perciaccante, educatrice finanziaria certificata, nel suo corso “Donne e Denaro”. Sì, avete capito bene, anche il famoso network marketing, se fatto con professionalità e disciplina, può entrare a pieno titolo nelle attività economiche in portafoglio.

In funzione del tipo di impegno, network marketing significa libertà economica, lavorare quanto si vuole, arrotondare lo stipendio o farne il primo lavoro.

 

Certo, bisogna capire

cosa significa fare network marketing in modo professionale,

proprio per evitare di ritrovarsi senza risultati e quindi deluse.

 

Il network marketing professionale non è la vendita porta a porta di prodotti o servizi, non è una truffa ben organizzata (ti chiedo soldi che giro ad un altro senza vendere alcunché. Illegale in Italia, vedi Legge 17 agosto 2005, n. 173 “Disciplina della vendita diretta a domicilio e tutela del consumatore dalle forme di vendita piramidali”), non è un’attività da sfigati che non sanno dove sbattere la testa (voi comprereste qualcosa da uno che vi sembra uno sfigato? Viviamo nel regno dell’apparenza, vi pare possibile?), non è un modo per obbligare gli amici a comprare da noi qualcosa che non serve.

 

Il network marketing è:

  • conoscere bene, apprezzare un prodotto, usarlo personalmente perché ci piace e ci risolve davvero un problema
  • per questo motivo parlarne ad altri con la massima onestà e trasparenza, senza forzature ed esagerazioni
  • offrire ai nostri amici e conoscenti la possibilità di risolvere il nostro stesso problema con il prodotto che utilizziamo noi
  • dare loro la possibilità di guadagnare dalla vendita di questo prodotto, se lo desiderano
  • in sintesi: lavorare attraverso il nostro naturale network, con i tempi che ci siamo dati verso gli obiettivi economici che ci siamo scelti. E guadagnare tutti.

 

Come si guadagna con il network marketing?

  • Vendendo i prodotti ai propri clienti diretti
  • Percependo una percentuale sul fatturato dei collaboratori che si sono portati nel proprio team di lavoro
  • Beneficiando di eventuali bonus sulla base del proprio fatturato e di quello del team

Questo sistema premia il merito, per cui se un distributore non vende in prima persona non riceve nemmeno commissioni sulle vendite del gruppo.

 

Come capire se un’azienda di network marketing è seria?

  1. Le dimensioni contano. Almeno 1 miliardo di fatturato all’anno.
  2. L’esistenza sul mercato da almeno 5 anni.
  3. Presenza multinazionale
  4. Affiliazione accessibile, a basso costo
  5. Formazione gratuita e permanente per i distributori
  6. Un prodotto ottimo, che risolve davvero un problema, meglio se brevettato, che tu voglia acquistare per te stesso
  7. Un prodotto che fidelizzi i clienti, caratterizzato da acquisti ripetuti nel tempo

 

Le aziende attive nel network marketing sono numerose e abbastanza spesso riceviamo proposte di associarci. Eppure regna un certo scetticismo. Già, forse perchè non è chiaro di che si tratta esattamente, oppure perchè non ci interessano i prodotti. Ecco il punto: molte persone si improvvisano networker senza conoscere ciò che vanno a proporre né le reali esigenze dei loro amici.

 

Tutti possiamo fare network marketing?

La mia risposta è sì, ma solo a certe condizioni:

  • smettere di pensare come una lavoratrice dipendente, ma agire come un’imprenditrice di te stessa, come se aprissi un negozio.
  • essere consapevole che in un’attività di network marketing occorre crederci, saper lavorare nel medio periodo, investire su te stessa e nei prodotti. In una parola metterti in gioco e lavorare duramente, sapendo che i guadagni non arriveranno in modo passivo e automatico.
  • puoi anche lavorare nei ritagli di tempo, ma devi farlo con costanza e serietà, seguendo procedure ben precise
  • mai improvvisarsi, studiare 
  • ricordare che il tuo primo patrimonio è la reputazione
  • last but not least: essere inserita in un gruppo di lavoro professionale,  che condivide idee, best practice e formazione.  Cioè crede nei risultati di squadra.

 

Se sei una donna, una mamma o una blogger…

il network marketing è la tua attività ideale: non solo noi donne siamo naturalmente campionesse di pubbliche relazioni, ma già facciamo community marketing senza accorgercene. Quante volte consigliamo in modo disinteressato ad altre amiche o mamme di scuola un prodotto che ci piace?

Ricorda però che solo se ti senti imprenditrice di se stessa e solo se hai veramente voglia di guadagnare e di lavorare otterrai dei risultati. Il network marketing non è una formula magica che funziona da sola.

 

Tuttavia, può essere una possibilità interessante e meritocratica per chi è rimasta fuori dal mondo del lavoro e dopo i 40 anni desidera rientrarci in modo autonomo.

 

(Se hai capito bene di cosa si tratta e vuoi darvi una chance con un’ azienda di network marketing seria puoi contattarmi e ti spiegherò tutto dei prodotti Jeunesse.)

 

Leggi anche: Natalia Cattelani: dopo i 40 ho fattp boom!, Voglia di novità sul lavoro? Parti dal tuo bilancio professionale, Sei su Linkedin: ecco cosa cosa fare e cosa non