single e senza figli

Photo Credit: Alain Bachellier

Single e senza figli dopo i 40: eterologa sì o no?

Oggi mi rivolgo alle donne che ci leggono e sono single e senza figli.

La maternità con la fecondazione eterologa è un’opzione che potreste prendere in considerazione?

Leggevo quest’intervista rilasciata a Vanity Fair da Carmen Consoli in cui lei dice di aver preso questa decisione:

perché stavo diventando grande e avevo voluto una vita che non mi aveva permesso di costruire un rapporto solido con un uomo che potesse diventare il padre dei miei figli.

Come lei hanno seguito questa strada altre donne famose ed indipendenti, tra queste Gianna Nannini.

Io ho una famiglia “tradizionale”, i figli sono venuti quando li abbiamo voluti e quindi non posso nemmeno lontanamente immedesimarmi nei sentimenti e nei pensieri di una donna che avrebbe voluto un figlio, ma non ha potuto averlo per i casi del destino.

Però leggo con interesse storie come quelle di Carmen Consoli e vi rivolgo una domanda: se gli incontri della vita non sono stati giusti, se avete aspettato di avere al vostro fianco l’uomo in grado di essere il padre dei vostri figli, se insomma era una cosa così importante, cosa fa scattare ad un certo punto la consapevolezza che non serva più aspettarlo e farne a meno?

E’ forse meglio che la figura del padre non esista piuttosto che sia inadeguata?

Sono i quaranta che fanno scattare la molla dell’ora o mai più? Che ruolo ha l’età in una decisione del genere?

E ancora: è la maternità che ci deve definire come persone complete, anche se siamo delle donne toste, autosufficienti, con la nostra vita impostata? Ci sono donne a cui la domanda “ma non ti manca un figlio?” fa venire l’orticaria…

Il figlio rende completa la coppia e ne realizza il progetto, realizza la madre o tutte e due?

Sono domande random a cui non ho risposta, ma che mi pongo spesso ascoltando le storie di fecondazione eterologa che mi vengono raccontate e prescindono completamente da ciò che poi riguarda la crescita e la felicità del figlio, che sono un altro complesso argomento.

Anche su La 27 Ora del Corriere in questi giorni si parla di eterologa, con interventi che esprimono posizioni anche molto diverse tra loro.

Mi piacerebbe molto che qualcuna di voi che ci sta pensando o no, oppure che ci è già passata ci lasciasse un suo pensiero.

 

Leggi anche: Mamme dopo i 40 anni, La creatività prorompente dei 40 anni: gravidanza e altri eventi meravigliosiIncinta “per sbaglio” dopo i 40


Superdry su Zalando Privé