Photo Credit: Italo Iosero

Sono in piena Maturità

Sono in piena Maturità.

Si, ovvio, non la mia, ma quella di Giulia.

Prima considerazione: io l’esame adesso non lo passerei!

E non solo perché ho rimosso, ahimé, il 99 per cento delle cose che ho imparato a scuola, ma perché, almeno sulla carta, la maturità é tornata ad essere piuttosto tosta, tipo quella che ci hanno sempre raccontato i nostri genitori, e bisogna arrivarci preparati praticamente in tutte le materie per poter superare quizzoni ed esame orale.

Chi di noi non ha ricordi più o meno terrificanti del proprio esame?

Ricordi che di anno in anno si fanno piu’ epici, fra professori degni di una setta satanica, quesiti impossibili e notti insonni. Nella realta’, diciamolo, era una passeggiata. Scritti a parte, ti preparavi bene un paio di materie che sceglievi a marzo e potevi scordarti tutto il resto.

Devo dire che Giulia fino ad ora ha dimostrato una notevole dose di tranquillita’ e freddezza, doti che le ho sempre invidiato e che non fanno che facilitare anche il mio starle vicina: tranquilla lei, tranquilla io.

La scorsa settimana ero impegnata lontana da casa ma mi sono fatta volentieri ore e ore di auto per essere qui accanto a lei, nonostante i suoi “Mamma, non ti preoccupare, me la cavo benissimo anche da sola”.

Ma in quale altro posto sarei potuta essere?

Perché so che sta vivendo momenti che resteranno nella sua memoria come una delle tappe importanti della sua vita.

Piccola mia, lo so che ci siamo passati tutti ma ora é il tuo momento.

In bocca al lupo!!!