alimento antiage

Ti spiego perchè la zucca è un ottimo alimento antiage

La zucca è l’ortaggio autunnale per eccellenza e ha sorprendenti propriețà. Infatti, è una cucurbitacea (come il cetriolo, la zucchina, il cocomero e il melone) e con soltanto 18 kcal per 100gr di polpa e il 90% di acqua, non dovrebbe mai mancare sulla nostra tavola perché è un’ottima fonte di vitamine A, B ed E, betacarotene, di sostanze antiossidanti e fibre.

Nonostante il sapore dolce, è inoltre un alimento valido nelle diete ipocaloriche e in quelle dei pazienti diabetici, grazie al bassissimo contenuto glucidico e lipidico.

Ma la vera ricchezza della zucca è data dalla varietà di amminoacidi che contiene e dalle loro incredibili proprietà: arginina, acido glutammico, acido aspartico e triptofano.

Conosciamoli insieme!

 

ARGININA

L-arginina è uno degli amminoacidi “mattone” che in parte viene prodotto dal nostro corpo (fegato e reni) e in parte viene assunto attraverso l’alimentazione. L’arginina svolge molteplici e importanti funzioni fisiologiche soprattutto a beneficio di: cuore e circolazione, grazie alla sua capacità di migliorare il tono e la funzionalità di vene e arterie, facilitando la dilatazione dei vasi sanguigni. Per questo motivo, l’arginina può essere validissima nella gestione delle cosiddette “vampate” in menopausa, delle emicranie e delle cistiti interstiziali.

Un’altra qualità di questo aminoacido, è quella di facilitare la guarigione delle ferite e di rigenerare le cellule dell’epidermide con un effetto antiage. L’arginina infatti è anche coinvolta nella sintesi della L-prolina, che è necessaria per la produzione endogena di collagene .

L’utilizzo di arginina è tuttavia controindicato alle persone che soffrono di herpes, dato che tale amminoacido sembra favorire gli episodi di riattivazione del ceppo virale.

Oltra alla zucca, gli alimenti più ricchi di arginina sono le mandorle e le noci, le fave, i fagioli e le carni rosse.

 

ACIDO GLUTAMMICO

E’ un amminoacido non essenziale, ovvero il nostro organismo è in grado di sintetizzarlo autonomamente.

L’acido glutammico è l’amminoacido che stimola (=precursore) la produzione dell’ormone della crescita, detto ormone GH (capelli, unghie, ecc) ed è importantissima anche per conservare la pelle elastica e compatta. Se la glutammina a disposizione è troppo poca, infatti, il corpo preleva la proteina necessaria dalla massa muscolare e la trasforma in glutammina e quindi in energia. In questo modo si perdono le proteine muscolari, i fasci muscolari si assottigliano e tutta la pelle diventa più flaccida. Non a caso, proprio per questo motivo, l’acido glutammico è stato definito “la fonte interna di giovinezza”.

Le principali fonti di acido glutammico sono tutte le proteine della soia, merluzzo, latte, uova, carne e formaggio.

 

ACIDO ASPARTICO

L’Acido aspartico, o aspartato, è anch’esso un amminoacido non essenziale, sintetizzato dal nostro organismo. È uno degli aminoacidiglucogenetici, ovvero può essere convertito in glucosio quando l’apporto di carboidrati è insufficiente.

In associazione a potassio e magnesio, l’acido aspartico potrebbe svolgere funzione preventiva dei crampi e della stanchezza muscolare, ma questa proprietà non è stata ancora dimostrata scientificamente.

Le principali fonti di acido aspartico sono: asparagi (da cui prende il nome) carne rossa, merluzzo, latte, uova e formaggio.

 

TRIPTOFANO

Il triptofano è un amminoacido essenziale, ovvero non può essere sintetizzato dall’organismo ma deve essere introdotto con l’alimentazione o con l’assunzione di integratori specifici.

La sua funzione più conosciuta, e se vogliamo anche quella più importante, è quella legata alla produzione della serotonina, ovvero l’ormone del benessere, e della niacina o vitamina B3, essenziale per il regolare funzionamento del sistema nervoso.

In qualità di precursore di queste due importanti sostanze, il triptofano è particolarmente utile nelle condizioni di insonnia o difficoltà a prendere sonno, disturbi pre-mestruali caratterizzati da sintomi pseudo-depressivi e di apatia, disturbi affettivi stagionali, antidepressivo naturale e per potenziare l’azione dei farmaci antidepressivi.

Grazie alla sua capacità di stimolare la produzione dell’ormone del benessere, il triptofano è uno degli amminocidi da considerare soprattutto nelle condizioni di pre-menopausa caratterizzate da vampate e aumento di peso oppure quando non si riesce a seguire un regime alimentare dietetico.

Fonti di triptofano sono le germe di grano, formaggi,legumi, pesce, carne di tacchino e carne di maiale, uova, tutti i semi oleosi.

 

semi-di-zucca

E i semi? Anche i semi di zucca sono preziosissimi!

 

Ricchi di proteine (18,7%) e carboidrati (24 %), i semi di zucca contengono anche ottime quantità di sali minerali, come zinco e fosforo.

I loro principi attivi fondamentali sono le cucurbitine, i deltasteroli, le fitosterine, le globuline vegetali, vitamine F ed E, magnesio e ferro e, oltre a svolgere una spiccata azione antiossidante, hanno funzione preventiva verso i disturbi delle vie urinarie, sia maschili che femminili, come cistiti, infiammazioni della vescica causate dall’esposizione al freddo, debolezza e irritabilità della vescica.

I fitosteroli contenuti invece agiscono sulla regolazione dei livelli di colesterolo nel sangue.

Per enfatizzare al meglio le loro proprietà, consiglio di consumarne un cucchiaio al giorno come spuntino oppure spolverizzati su verdure, insalate, cereali.

Grazie alla presenza di queste sostanze, la zucca e i suoi semi si dimostrano essere quindi un vero e proprio alleato del nostro benessere e della nostra bellezza.

 

 

SONY DSCQuesto post è stato scritto da Claudia, farmacista globe trotter e divulgatrice scientifica, specializzata in nutraceutica e fitoterapia. Potete seguirla sul nostro blog nelle sezioni Mangia Che Ti Passa, Bella Dentro e Fuori e La Natura che Cura e sul suo blog. Stay tuned!