trovare lavoro dopo i 40

Trovare lavoro dopo i 40 con CORA Happywear

Trovare lavoro dopo i 40 anni, dopo la maternità e magari con tempi flessibili.

Lo sappiamo bene che sembra un miraggio!

Eppure è la necessità di molte mamme, che si fermano (o sono costrette a fermarsi) per seguire i propri figli ma poi, gradualmente, vorrebbero ricominciare a lavorare.
Proprio in un’ottica di servizio alle mamme over40 che mi leggono, sono contenta di poter offrire informazioni utili a chi in questo momento sta drizzando le antenne alla ricerca di nuove possibilità.

Dopo il post sul network marketing, oggi vi presento un’azienda altoatesina, CORA Happy Wear, che produce e commercializza, anche online, abbigliamento ecosostenibile per  bebè, bambini e donne, utilizzando eucalipto, bambù, lana rigenerata e cotone organico lavorati nel rispetto dei diritti dei lavoratori e della tutela dell’ambiente.

 

 

Elisabeth Tocca, la fondatrice, è una mamma che ha avuto la necessità di reinventarsi dopo la seconda maternità, proprio per coniugare le sue due anime di lavoratrice e madre. Per questo motivo ha pensato di far partire la propria attività pensando di coinvolgere altre donne come lei, con le stesse necessità famigliari, di flessibilità nei tempi di lavoro e di attenzione ai valori green.

 

Ho intervistato Michela Lazzaroni, mamma di 3 bambini (un quarto in arrivo!), blogger di La bella tartaruga e CORA Lifestyler per farvi capire esattamente in cosa consiste il suo lavoro con CORA.

 

Michela, vuoi dirci qualcosa di te?

Mi chiamo Michela, sono moglie (ci tengo a dirlo!), mamma di tre maschietti tutti in età prescolare e in attesa di un quarto bebè. Lavoro come lifestyler per CORA e come hobby mi ritaglio del tempo per scrivere sul mio blog.

 

Lavoravi prima dei figli? Cosa facevi?

Ero un’impiegata. A dire il vero ho provato a rientrare al lavoro anche dopo la nascita del mio terzo figlio. Poi, facendo due conti (non solamente economici), ho scelto di mettere i miei figli al primo posto, soprattutto ora che sono piccoli e hanno bisogno di essere seguiti.
 

Come hai conosciuto CORA?
Attraverso un articolo su internet, proprio a pochi mesi dalla sua apertura. Mi ha subito colpito l’aspetto umano e l’amore per la natura. CORA è una start-up dove ci si sente subito come a casa. Sin dalla prima telefonata informativa che ho avuto con Elisabeth, la fondatrice, ho percepito quest’accoglienza e rispetto, che poi ho ritrovato nelle altre persone del team. Inoltre, trovare azienda così attenta e rispettosa dell’ambiente e dell’ecosistema non è scontato e nemmeno facile.

 

La tua giornata lavorativa tipo?
Non esiste una giornata tipo così come non esiste una settimana tipo: è il bello di questo lavoro!
Posso dire come cerco di organizzarmi, quello sì.
Solitamente fisso i miei eventi durante la giornata, quando i miei bambini sono a scuola, ma riesco ad organizzarmi anche per la sera o il sabato.
Durante gli eventi, organizzo sempre un aperitivo o una merenda bio perché è un modo per creare armonia e rendere l’evento molto più amichevole. Infatti, durante il tempo trascorso insieme, oltre a presentare la collezione Cora e a sensibilizzare riguardo il tema dell’ecosostenibilità, spesso ci si scambia anche consigli tra mamme, magari mentre si provano gli abiti Cora che porto con me agli eventi.

 

Cosa ti piace del tuo lavoro?
In primis, adoro il fatto che si adatti alle mie esigenze e a quella della mia famiglia (e non il contrario). In secondo luogo, il contatto umano con le altre persone e la possibilità di creare eventi sempre nuovi e diversi. Oltre ad andare a casa delle clienti, infatti, ho avuto l’occasione di partecipare attivamente a un paio di fiere (fa la cosa giusta a Milano o la fiera del bambino naturale a Chiari in provincia di Brescia) o, ancora, ho organizzato un evento in collaborazione con un negozio del mio paese che vende cosmetici bio e naturali. Sono anche stata a Bolzano ad un kick-off formativo e informativo organizzato da CORA dove ho conosciuto altre lifestylers e condiviso con loro esperienze, dubbi e consigli!
Infine, avere trovato un’azienda che crede negli stessi miei valori mi regala davvero molta soddisfazione.

 

Quali sono le tue prospettive con CORA?
Spero di continuare a lavorare con CORA e riuscire a trasformare questa passione in un lavoro a tempo pieno (o quasi).

 

Ringrazio Michela per aver condiviso con noi la sua esperienza! Se CORA  Happywear vi ha incuriosite scrivetemi anche solo per chiedere maggiori informazioni a info@40spesibene.it , contattate direttamente l’azienda o lasciate un commento qui sotto.

 

Vi do appuntamento al prossimo post di #lavorodopoi40!

 

Leggi anche: Natalia Cattelani, dopo i 40 ho fatto boom! e tutti i post sul Lavoro